NEWS

9 Gennaio 2020

ORDINANZA SINDACALE: CHIUSA LA CHIESA SS. ANNUNZIATA. IL SINDACO GIULIANO: “SCELTA DOLOROSA PRESA PER SALVAGUARDARE LA SICUREZZA DEI CITTADINI”

Nella mattinata di ieri,  il Sindaco Antonio Giuliano ha firmato l’ordinanza per la chiusura della Chiesa SS. Annunziata. Dopo il distacco di intonaci registrato nei giorni scorsi con l’immediato intervento del corpo di Polizia Locale e dei Vigili del Fuoco, i tecnici comunali hanno allertato le autorità competenti per effettuare tutti i sopralluoghi del caso.

Un problema segnalato immediatamente al Ministero dei Beni Culturali, presso il quale è stato già avviato da circa un anno l’iter per la richiesta di contributi per la messa in sicurezza e ristrutturazione dell’edificio.

Dopo il parere dei Vigili del Fuoco in seguito al sopralluogo effettuato nei giorni scorsi, il Sindaco Antonio Giuliano ha deciso di interdire al pubblico l’accesso al luogo di culto per garantire la pubblica incolumità.


“Si tratta di una decisione dolorosa seppur momentanea per garantire la sicurezza dei nostri concittadini
– ha dichiarato il Sindaco Antonio Giuliano -. Con l’Amministrazione Comunale e il prezioso aiuto di  Don Alessandro Bottiglieri stiamo lavorando senza sosta per avere risposte concrete dalle autorità e permettere di poter riaprire quanto prima il luogo di culto principale della nostra Giffoni”.

Ultimi articoli

NEWS 8 Aprile 2021

DIGITALIZZAZIONE, ONLINE LA PIATTAFORMA PER IL SUAP. IL SINDACO GIULIANO: “SNELLIRE LA BUROCRAZIA E RENDERE  PIU’ RAPIDO IL DIALOGO FRA CITTADINI E TECNICI”

Il Comune di Giffoni Valle Piana compie un nuovo passo verso la digitalizzazione dei propri servizi.

ORDINANZE 31 Marzo 2021

ORDINANZA SINDACALE N.1 DEL 31 MARZO 2021 – MISURE URGENTI PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19

Con l’Ordinanza Sindacale n.1 del 31 Marzo 2021, il Sindaco Antonio Giuliano ORDINA – per i giorni Domenica 4 aprile (Santa Pasqua) e Lunedì 5 aprile (Lunedì dell’Angelo) 2021 la chiusura al pubblico di tutte le attività commerciali, comprese quelle di generi alimentari (supermercati, macellerie, bar e similari), ad eccezione delle attività di vendita di carburante per autotrazione, di combustibile per uso domestico e per riscaldamento, delle edicole, dei tabaccai, dei fiorai, delle farmacie e delle parafarmacie; – è consentita la sola vendita per asporto e consegna a domicilio di prodotti alimentari legati alla ristorazione (ristoranti, pizzerie, paninoteche, pasticcerie, ecc.

torna all'inizio del contenuto