ORDINANZE

21 Settembre 2020

INIZIO ANNO SCOLASTICO DIFFERITO AL PROSSIMO 28 SETTEMBRE. IL SINDACO GIULIANO: “NECESSARIO RIPARTIRE IN SICUREZZA”

Con l’Ordinanza n.35 del 21 settembre 2020, il sindaco di Giffoni Valle Piana, Antonio Giuliano, ha differito al prossimo 28 settembre l’apertura dell’anno scolastico 2020-2021. Tale decisione è indirizzata a tutti i cicli d’istruzione, dalla scuola dell’infanzia sino alla scuola secondaria di secondo grado presenti su tutto il territorio comunale.

“Ho preso questa decisione affinchè per il ritorno a scuola venga garantita la massima sicurezza sia degli alunni che dell’intero comparto scolastico assicurando tranquillità a tutte le famiglie – le parole del Sindaco Antonio Giuliano -. Ripartire il 24 settembre sarebbe stata un’affannosa corsa contro il tempo specie nei plessi in questi giorni utilizzati come seggi elettorali e che hanno bisogno di capillari interventi di sanificazione. Negli altri edifici invece stiamo ultimando le operazioni di adeguamento alle normative anti-Covid determinate dal Comitato Tecnico-Scientifico e dal Ministero dell’Istruzione. In attesa di eventuali ulteriori interventi in merito della Giunta Regionale, con l’intera maggioranza abbiamo preferito rinviare l’apertura delle scuole al prossimo 28 settembre per garantire la sicurezza”.

 

CLICCA QUI PER L’ORDINANZA

Ultimi articoli

NEWS 8 Aprile 2021

DIGITALIZZAZIONE, ONLINE LA PIATTAFORMA PER IL SUAP. IL SINDACO GIULIANO: “SNELLIRE LA BUROCRAZIA E RENDERE  PIU’ RAPIDO IL DIALOGO FRA CITTADINI E TECNICI”

Il Comune di Giffoni Valle Piana compie un nuovo passo verso la digitalizzazione dei propri servizi.

ORDINANZE 31 Marzo 2021

ORDINANZA SINDACALE N.1 DEL 31 MARZO 2021 – MISURE URGENTI PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19

Con l’Ordinanza Sindacale n.1 del 31 Marzo 2021, il Sindaco Antonio Giuliano ORDINA – per i giorni Domenica 4 aprile (Santa Pasqua) e Lunedì 5 aprile (Lunedì dell’Angelo) 2021 la chiusura al pubblico di tutte le attività commerciali, comprese quelle di generi alimentari (supermercati, macellerie, bar e similari), ad eccezione delle attività di vendita di carburante per autotrazione, di combustibile per uso domestico e per riscaldamento, delle edicole, dei tabaccai, dei fiorai, delle farmacie e delle parafarmacie; – è consentita la sola vendita per asporto e consegna a domicilio di prodotti alimentari legati alla ristorazione (ristoranti, pizzerie, paninoteche, pasticcerie, ecc.

torna all'inizio del contenuto